5

Sviluppo urbano: la chiesa e il castello

Gli elementi edili che caratterizzano la maggior parte dei centri abitati sono i punti forti (il castello e le torri), le difese lineari (palizzate, mura, fossati), la chiesa e le abitazioni private (torri, case e capanne). L’impianto urbano risente in maniera determinante della morfologia dell’area, della posizione delle opere fortificate e della collocazione della chiesa. Questa è posta quasi sempre in posizione baricentrica e costituisce il polo di aggregazione per l’edilizia residenziale che, solitamente, tende a svilupparsi radialmente o a macchia. Laddove il rapporto tra castello e chiesa è diretto nasce uno spazio collettivo che da origine alla piazza mentre nei centri urbani morfologicamente più complessi (tipici per esempio delle aree montane) l’aggregazione urbana tende ad accrescersi alle pendici del colle su cui è posto il castello. Nel caso di centri urbani in linea, sviluppati cioè lungo un crinale oppure lungo una strada, la chiesa costituisce comunque un elemento di grande attrazione. Lo sviluppo dei centri abitati condizionerà, a sua volta,  l’evoluzione delle opere fortificate di cinta che dovranno adattarsi alla crescita urbana, isolando sempre più l’area del castello che assume progressivamente un ruolo di “ridotto di difesa”. Talvolta, il centro urbano si sviluppa accanto al castello in maniera autonoma a causa di favorevoli condizioni economiche (paesi di mercati, per esempio, oppure la presenza di un tratturo o di un corso d’acqua) assumendo una configurazione topografica singolare. A Larino, il monastero di S.Benedetto viene costruito “infra murum et muricinum”, tra la cinta muraria e un altro recinto più piccolo. Ulteriori trasformazioni si avranno quando le opere fortificate, non più efficaci dal punto di vista militare, si trasformeranno progressivamente in residenza. Durante i primi periodi di insediamento normanno le cinte urbane e le difese preesistenti vengono riutilizzate ed adattate (“Questi...cominciarono a costruire fortezze ove esistevano piccoli insediamenti” Chr. Volt.), in seguito l’impegno è rivolto all’impianto di nuovi castelli, torri e punti forti realizzati spesso in un’area periferica rispetto al centro urbano.

Bagnoli del Trigno

Ripalimosani