Ritorno

Sicilia
Palermo

S. Maria dell' Ammiraglio (Martorana)

Inizio degli anni quaranta del XII sec

    Costruita dal grande Ammiraglio di Ruggero II, Giorgio d'Antiochia, era originariamente costituita da un unico modulo centrico bizantino, (quadriportico con archi ogivali poggianti su alti pulvini e sottostanti colonne), triabsidato, con cupola poggiata su tamburo ottagonale visibile all'esterno e decorato con cornici e rincassi che ricordano antiche tipologie bizantine come Calat Seman. Sin dall'etÓ medievale, ha subito diverse trasformazioni ed aggiunte, le pi¨ pesanti, in periodo barocco. L'ingresso occidentale Ŕ costituito da un protiro-campanile di singolare bellezza architettonica con volumi prismatici, sovrapposti e rastremanti verso l'alto, di chiara origine normanna, come le torricelle angolari colonnate, comuni nelle torri campanarie delle chiese del Calvados. Incerta la soluzione di copertura: a cuspide o cupolata. L'interno Ŕ ricoperto da preziosi mosaici. Nel Natale del 1184 un arabo andaluso, il cronista viaggiatore Ibn Jubair, definý questa chiesa : "il monumento pi¨ bello del mondo". Le immagini mostrano: il campanile; il tamburo ottagonale con la cupola sovrapposta, la stessa cupola vista dall'interno; uno dei mosaici interni, con l'unica immagine esistente di Re Ruggero II nell'atto di essere incoronato dal Cristo ed una preziosa formella lignea intagliata (artigianato islamico) appartenente ad una delle porte interne della chiesa.

Vittorio Noto

Bibliografia
Guido Di Stefano, "Monumenti della Sicilia Normanna", Palermo, 1979

Fotografia
Melo Minnella Palermo